Nome di battaglia

Una staffetta, oggi 85 anni, ci ha detto, abbassando gli occhi e velando la voce con un po’ di tristezza, che gli anni della Resistenza sono stati per lei gli anni più belli della sua vita. Stupefatti, l’abbiamo guardata increduli e lei, intuendo il nostro sguardo, ha sollevato gli occhi e ha sorriso. “Sì… vi potrà sembrare strano –ha detto- perché dopo la guerra mi sono sposata, ho lavorato, formato una bella famiglia e adesso sono una nonna felice. Ma quella roba che mi è passata dentro negli anni della guerra… quella forza, quell’energia… ecco, una roba così… uguale… non l’ho più avuta… e dire che rischiavamo la vita tutti i giorni… Sapete, non è che fossimo incoscienti o che non avessimo paura di morire… avevamo paura, altro che! Ma era più forte l’urgenza di Libertà che ci urlava dentro… e allora salivamo sulle nostre biciclette e andavamo!”.

 

Nome di Battaglia

con

Carla Rizzu e Claudia Bosco

Musiche di Alessandro Taddei

Drammaturgia :Eugenio Sideri

Luci :Eugenio Sideri

Ideazione Regia e Coreografia: Carla Rizzu